lunedì, febbraio 06, 2006

Fede calcistica


Ieri sera Lorenzo, sei anni, entra in camera mia, si siede sul letto, vicino a me.
- Ciao, dice
- Ciao, rispondo
- ….
- ….
- Ma a te piace il calcio ? (la prende alla larga)
- Mica tanto… a te?
- A me si…
- …
- ...
- ...
- Però … (bocca a cuoricino, tono quasi gemente) papà continua a insistere che devo tenere all’Inter… ma io quando sono grande voglio tenere alla Juve… (gulp)
- E perché alla Juve?
- Eh, perché sono fortissimi, vincono sempre
-
(come si può spiegare ad un bambino il significato di sofferenza sportiva non finalizzata alla vittoria? Non si può) … uhm, si, però mica continuerà così per sempre, magari quando sei grande l’Inter sarà più forte
- Si, ma adesso la Juve è più forte
- (non fa una piega) è vero, Lori, però la Juve è proprio una squadra antipatica, e poi è di Torino, tu non sei mica di Torino
- No, io sono di Milano
- Ecco, allora se proprio devi cambiare squadra, tieni al Milan, che è forte ma almeno è di Milano (bastarda dentro)
In questo momento entra in camera Carlo l’interista, con espressione interrogativa e la conversazione finisce qui

Due ore dopo, in macchina
- Papà?
- Dimmi, Lorenzo
- Io stavo pensando una cosa…
- Cosa, Lorenzo?
- Se nella prossima partita l’Inter perde contro la Juve, posso cambiare squadra?
- Certo. (voce mefistofelica) Poi però non entri più in casa di papà (tono minaccioso)
- Ma….
- Papà prende tutti i tuoi giochi, compresa la maglietta dell’Inter firmata da Martins, e le da ai bambini poveri
- Ma il mio amico Miki può tenere alla Juve… (terrorizzato, eppur coraggioso)
- Ah, va bene, allora (in crescendo, voce rotta dall’orrore e dalla rabbia. La macchina rallenta, e poi si ferma, in curva, sul tornante Cervinia/Valtournanche). Chi è il bambino che adesso scende dalla macchina e rimane qui da solo al freddo e al buio ?
- …..
- …..
- …
Silenzio di tutti i passeggeri. Forza Inter!

2 commenti:

stefano ha detto...

ci parlo io col ragazzo

Anonimo ha detto...

ci parlo io col babbo e con stefano...